La ricetta del torrone

La storia del torrone noi cremonesi la conosciamo tutti; prodotto tradizionale cremonese fin dal 500, deve la sua notorietà e il suo nome al fatto che fu il dolce delle nozze tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, durante le quali il dolce fu “plasmato” a forma di torre, a ricordo del Torrazzo.

Tradizionalmente il torrone viene prodotto con miele, zucchero, nocciole, mandorle, albume d’uovo, vanillina e scorza di limone.

Dal punto di vista nutrizionale è, dunque, un alimento molto calorico, ricchissimo di zuccheri semplici (zucchero e miele) e di grassi (frutta secca), quindi tende a favorire la carie dentaria e ad incrementare i valori ematici della glicemia.

Assolutamente controindicato ai diabetici e a chi soffre di problemi di sovrappeso, va consumato con moderazione, come da tradizione durante le feste natalizie. Un suo consumo quotidiano è da considerare eccessivo.

Related Posts

Leave a Comment